EstateLiberi 2015 a Cirò – Parte 5: la formazione

E!STATE LIBERI – CAMPO DI CIRO’ – LA FORMAZIONE
Quinta puntata – giovedì 23 luglio – venerdì 24 luglio – sabato 25 luglio

SONO STATE GIORNATE MOLTO, MOLTO CALDE.
Giovedì 23 luglio
Mattino: proseguiti i lavori della recinzione .:. al termine un tuffo al mare e pausa pranzo.
Pomeriggio: dedicato alla conoscenza della ‘ndrangheta con il Maresciallo dei Carabinieri NICODEMO LEONE i… (socio di Libera).

ALCUNE RIFLESSIONI DEL NOSTRO GRUPPO
Capire come è composta la ‘ndrangheta è stato per me l’incontro di formazione più importante. Conoscevo poco di questa organizzazione è davvero complessa ed il Maresciallo si è dimostrato molto competente e disponibile. Sicuramente ora guarderò il mondo con un’altra prospettiva.
——
Incontro interessante per la parte “tecnica” (la struttura della ‘ndrangheta) ed estremamente coinvolgente nel sentire raccontare l’esperienza e le impressioni di tanti anni di servizio.

Venerdì 24 luglio
Mattino: completati i lavori della recinzione: al termine un tuffo al mare e pausa pranzo.

Pomeriggio: dedicato alla formazione con la significativa testimonianza, a Crotone, di TIBERIO BENTIVOGLIO

ALCUNE RIFLESSIONI DEL NOSTRO GRUPPO
La testimonianza di Tiberio Bentivoglio è stata toccante, commovente e utile. La sua capacità di non presentarsi come eroe ma come persona normale che sceglie di stare dalla parte giusta pagando un prezzo troppo alto perché troppo spesso la società civile non si schiera, non sceglie, non si scomoda. E’ faticoso sentirlo raccontare perché l’emozione che suscita è rabbia, nei confronti di uno Stato troppo spesso assente. Uno Stato che ti chiede di denunciare ma che poi non ti sostiene. E’ utile però perché ti fa venire ancora più voglia di schierarti, di fare qualcosa nel tuo piccolo per provare a cambiare qualcosa.
—————
Tiberio Bentivoglio ha messo a fuoco quanto “l’antimafia” è ancora troppo docile, a volte “intermittente”. Dobbiamo diventare più INTRANSIGENTI e sapere dire anche cose scomode.

Sabato 25 luglio
La nostra settimana si conclude sabato mattina con la visita di Cirò accompagnati dal SINDACO CIRO CARUSO.
A Cirò, ci sono due musei. Il primo, dedicato alla storia del paese partendo dalla Magna Grecia, è collocato all’interno di un bene confiscato. Nel secondo scopriamo che Cirò, già dai tempi della Magna Grecia, era conosciuta per un rinomato vino: il CIRO’. Ma la vera sorpresa è stata scoprire che a Cirò (l’antica Psycròn), nel 1510 è nato e vissuto Luigi Lilio, medico, astronomo e matematico italiano ideatore della riforma del calendario gregoriano: quello attualmente in uso. A questo illustre concittadino è dedicato un bellissimo museo.
Il pomeriggio, il gruppo si è dedicato a sistemare e pulire i locali che ci hanno ospitati.

ALCUNE RIFLESSIONI DEL NOSTRO GRUPPO
Abbiamo fatto un giro “turistico” per Cirò, visitando il supermega fantastico museo archeologico e astronomico. Ho notato che in Italia non valorizziamo un c….. . Per questo ho deciso di venire (se possibile) ad aiutarli il prossimo anno.

Il senso del nostro lavoro
Purtroppo, proprio in questa settimana, ci ha accompagnato una spiacevole notizia. Ne trovate traccia negli articoli allegati. La notte tra domenica 19 e lunedì 20 luglio, ignoti (?), hanno devastato il vivaio situato in località Cepa ad Isola di Capo Rizzuto, su un terreno confiscato e affidato alla Cooperativa Terre Joniche.
Il vivaio, nel quale recentemente erano state messe a dimora centinaia di piantine, era stato predisposto dal gruppo di Libera che ci aveva preceduto, composto da studenti di un Istituto agrario di Bergamo. Li avevamo conosciuti il giorno del nostro arrivo in Calabria.
E’ sicuramente un atto intimidatorio, che ci fa comprendere quanto sia difficile, per i giovani responsabili della Cooperativa Terre Joniche, andare controcorrente e cercare di riutilizzare, in modo legale, terre confiscate alla criminalità organizzata in quanto acquisite illegalmente.
Il nostro contributo, sebbene piccolo, sebbene limitato ad una recinzione (che potrebbe essere divelta anch’essa) ci auguriamo possa servire a fare sentire meno soli questi giovani calabresi. Ci sarà sempre comunque un gruppo di Libera disposto a ripristinare i danni fatti.

About Post Author

Associazione "No Mafie Biella" - Via Orfanotrofio 14 - 13900 - Biella - C.F.: 90055970025 - mail info@nomafiebiella.it